R. Lee Ermey: a 74 anni ci lascia l’iconico sergente Hartman di Full Metal Jacket

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

R. Lee Ermey, meglio conosciuto per il suo ruolo del sergente Hartman nel capolavoro firmato Stanley Kubrick, Full Metal Jacket, ci ha lasciato all’età di 74 anni.

Il manager di lunga data di Ermey ha annunciato la notizia tramite un tweet all’account Twitter ufficiale di Ermey dicendo: “È con grande tristezza che mi dispiace informarvi che R. Lee Ermey (“The Gunny”) è scomparso questa mattina per complicazioni circa una polmonite. Mancherà moltissimo a tutti noi“.

Oltre al suo ruolo nel film candidato all’Oscar di Stanley Kubrick, che gli è valso il premio come miglior attore non protagonista ai Golden Globe, Ermey ha ricoperto diversi altri personaggi per lo più di autorità, tra cui lo sceriffo Hoyt nel 2003 in Non Aprite Quella Porta, il capitano di polizia capitano in Se7en, il padre dell’Inserviente in Scrubs.

Ermey era famoso per esser stato un ex sergente dei marines degli Stati Uniti e sergente d’artiglieria d’onore, e ha lavorato come istruttore durante il suo mandato dal 1961 al 1972. Fu di stanza a Okinawa, in Giappone fino al 1968, quando fu trasferito in Vietnam e trascorse 14 mesi in campagna. Il suo primo ruolo cinematografico è avvenuto quando studiava nelle Filippine, e ha interpretato un pilota chopper della First Air Cavalry in Apocalypse Now, dove ha anche lavorato come consulente tecnico per Francis Ford Coppola. Ha avuto una serie di altri piccoli ruoli fino al suo casting nel film Full Metal Jacket del 1987.

Ermey era originariamente destinato ad adibire solo come consulente tecnico di Kubrick, ma quando il regista fu colpito da una showreel di Ermeydecise di affidargli il ruolo del sergente Hartman. Kubrick ha permesso ad Ermey di improvvisare, scrivere e modificare il suo dialogo, inoltre disse che Ermey era un tale professionista che spesso aveva bisogno di solo due o tre riprese per finire una scena, cosa insolita per i film di Kubrick.

Tutti noi della redazione però lo ricorderemo immortale in questo brevissimo ruolo iconico per chi seguì nei tempi moderni questa serie: