Mini-recensione: The Walking Dead 6×09 “Nessuna Via d’Uscita”

The Walking Dead 6×09

the walking dead

The Walking Dead è tornato con il perfetto finale della trama spezzata con cui il finale di mid-season ci aveva lasciati.
Vi avverto che la recensione conterrà spoiler.
Partiamo da un punto che non mi aspettavo. Cioè mi aspettavo che sarebbero ripartiti dal punto in cui il bambino diceva “mamma” ma, anche se la scena è comunque collegata la puntata non si apre proprio così. Abbiamo un cambiamento di fase nella puntata che apre con i nostri protagonisti intenti a scappare per l’ennesima volta. Coperti di budella di zombie cercano di filarsela fra i non morti, ma qualcosa va storto.
Nel terrore che fra i navigati del mondo apocalittico è volato via da stagione, ecco la serie che presenta un bambino pauroso che teme quei mostri provenienti dai suoi incubi peggiori.
Non ho citato l’apertura con i seguaci di Negan perchè era prevedibile come finisse, visto che non vogliamo loro ma il loro capo.
Comunque ancora una volta The Walking Dead sembra partire con i nostri protagonisti nei guai, con il destino che gioca con loro mettendoli in difficoltà e con la sorte che gli è sempre a sfavore.
Vediamo il bambino morire sotto i morsi dei non morti, e la madre urlano in preda al panico. La tensione sale e i guai stanno per ingigantirsi, ma quelli che potevano sembrare dei nuovi personaggi per la serie ci lasciano, ma Rick non si lascia più travolgere dagli eventi. Nella colluttazione con una incalzante musica di tensione il povero Carl viene ferito all’occhio e sembra che ci stia per lasciare. La paura sale ancora di più con il “lupo” ce cerca di scappare, ma ppi trova redenzione facendoci capire che in fondo non è così malvagio, o che forse voleva tenersi per se la “dottoressa” perché non aveva altra scelta.
La tensione sale e la struttura classica degli episodi di The Walking Dead ci lascia intendere che sta per morire qualcuno. Tutti gli occhi puntano su Glenn che da due stagioni a questa parte si è decisamente aggiudicato il titolo di Highlander.
Sembra tutto perduto ma la decisione di Rick e Michonne convince anche altri a superare le loro paure e non depistare gli zombie ma sconfiggerli. Così vediamo un nuovo gruppo pronto a fare baldoria contro l’apocalisse.

In ultimo un vero tocco d’arte con un piano sequenza che apre sull’alba del giorno dopo, quando a pace è ristabilita, quando le ferite vengono curate, e quando Rick al capezzale di suo figlio ormai morente gli promette l’arrivo di un mondo nuovo, della ricostruzione di Alexandria, e la puntata termina con un altro tocco d’arte. Le dita di Carl stringono quelle del padre, lo sguardo di Rick volta, sipario.

Commenti

Rispondi