Un'interista agli autori in generale del nuovo Star Wars!

Nello speciale pubblicato da Entertainment Weekly, J.J. Abrams, la produttrice Kathleen Kennedy e lo sceneggiatore Lawrence Kasdan parlano delle origini di Star Wars: il Risveglio della Forza, accennando anche alla nuova trilogia. Mi immagino la faccia di JJ Abrams quando gli hanno chiesto di dirigere il nuovo Star Wars! XD

  • J.J. Abrams, già lo sappiamo, inizialmente rifiutò l’offerta di Kathleen Kennedy della Lucasfilm di dirigere Episodio VII. La Kennedy allora gli chiese: “Chi è Luke Skywalker?” e fu così che Abrams decise di accettare: voleva rispondere a quella domanda. “Oh mio dio,” rispose, “Mi sono appena venuti i brividi. Accetto”. Ricorda la Kennedy: “La successione degli eventi fu praticamente così rapida.” Ma la moglie di Abrams contribuì a convincerlo, come ricorda il regista: “Raramente hai l’occasione di essere coinvolto in un film che tu stesso vorrei vedere. Mia moglie mi disse: te ne pentirai. Il punto era voler fare quel salto e tuffarsi nelle possibilità di ciò che stavano facendo quei personaggi, e dove si trovavano”
  • Quando Abrams accettò, non c’era ancora una storia definitiva. Kasdan stava sviluppando uno spin-off dedicato al giovane Han Solo. Dice Abrams:

    Stavano facendo solo delle ipotesi, non c’era alcuna storia. Era un compito formidabile, c’erano così tante opzioni e così tante strade da prendere. Anche quando stavamo discutendo – a volte in maniera accesa e frustrata – era eccitante, perché sembrava che da qualsiasi parte si guardasse ci fosse un viaggio straordinario da intraprendere, che poi è il DNA di Star Wars. 

Poi arrivano le domande al trio Simon Kinberg, Kasdan e Michael Arndt.

  • Una delle prime domande che si è posto il trio, assieme ad Abrams, è stata: “in che stato è la galassia?” Abrams non vuole entrare nel dettaglio, ma sappiamo che l’Impero si è trasformato in una giunta nota come Il Primo Ordine, mentre piloti di X-Wing come Poe Dameron (Oscar Isaac) ora volano per un gruppo noto come la Resistenza. La Principessa Leila è entrata in possesso della spada laser di suo padre Darth Vader che era stata recuperata da Luke ma da lui persa quando il padre gli mozzò la mano.
  • Tornando alla domanda originale: Chi è Luke Skywalker? Nell’articolo si specula sul fatto che il Luke che vediamo osservare i soli gemelli di Tattooine in Una Nuova Speranza sia diverso da quello che vediamo nell’ombra di Endor mentre i suoi amici celebrano la caduta dell’Imperatore, la morte di Darth Vader e la distruzione della seconda Morte Nera. “I temi e le idee di cui stiamo parlando sono gli stessi della trilogia originale,” spiega la Kennedy. “Ovviamente parliamo di ambizione, di personaggi in conflitto tra il bene e il male, tra la luce e l’oscurità”.
  • George Lucas è davvero andato in pensione, e non è stato coinvolto nello sviluppo di Il Risveglio della Forza. Aggiunge la Kennedy: “George ci ha parlato spesso della tensione tra bene e male. Ha sempre pensato che fosse più facile essere cattivi che buoni. Non sono sicura che tutti sarebbero d’accordo, ma penso che sia un conflitto interessante da esplorare, ed è uno dei grandi tempi di Episodio VII. Non possiamo esplorare nel dettaglio il concetto di compassione che veniva esplorato da Lucas con il valore dell’essere Jedi nella trilogia originale. Ma ci passeremo, mettiamola così. Nell’arco di tre film, quel concetto verrà arricchito”.
  • Il nuovo film andrà a esplorare una storia che non è mai stata raccontata dall’universo esteso di Star Wars, come spiega lo sceneggiatore Lawrence Kasdan: “Quei film hanno fatto parte della nostra vita, mia e di J.J, e per questo non ci serviva fare troppa ricerca. Fanno parte di noi, sappiamo benissimo cosa manca, cosa vogliamo riportare in vita, e speriamo che la nuova trilogia incarni esattamente questo.”
  • Kasdan non lavorò alla trilogia di prequel perché non era interessato: “Quando George mi chiese di lavorare ai nuovi film, non accettai. Non era il momento giusto della mia vita”. Anche Kasdan, però, non riuscì a resistere alle domande postegli dalla Kennedy per la nuova trilogia: era intrigato dalla domanda ‘Chi è Luke Skywalker?’: “Ho pensato: ok, queste persone hanno vissuto la loro vita e ora sono in un’altra posizione. Han, Leila, e tutti gli altri: hanno vissuto i 30 anni che ho vissuto anche io. Com’è? Come cambi il tuo modo di vedere? Stavo cercando di capire come io avevo cambiato il mio modo di vedere, e una delle sorprese è stata che alla fine non si impara poi così tanto. Non si diventa più saggi, le cose non sono più chiare, il mondo rimane confuso come è sempre stato. Ed è una cosa bella da scrivere. L’età non porta necessariamente la saggezza, solo esperienze.”
  • Abrams e Kasdan hanno scritto Il Risveglio della Forza insieme, camminando chilometri e chilometri al giorno e registrando le proprie speculazioni sulla Galassia.
  • Abrams conferma che NON dirigerà Episodio IX (Episodio VIII verrà scritto e diretto da Rian Johnson): “Sono comunque molto invidioso di chi si metterà a lavorare con questo gruppo di persone per i prossimi film”.
  • La Kennedy spiega che al momento la trama della trilogia completa è solo abbozzata, e che si evolve in continuazione: “Sappiamo dove stiamo andando, ma solo nel senso più ampio del termine. Quando Rian Johnson è arrivato e ha iniziato a scrivere la sua sceneggiatura, ha cominciato daccapo, conoscendo solo ciò che avevamo fatto in Episodio VII e proiettandolo nella direzione in cui stava andando. È un film al 100% suo.”

Commenti

Rispondi