Star Wars: una mini-serie a fumetti spiegherà come Capitan Phasma sia sopravvissuta

Quando ne Il Risveglio della Forza abbiamo visto l’ultima scena dello screentime di Gwendoline Christie nei panni di Capitan Phasma, c’è stato un rimando alla famosa scena del compattatore de Una Nuova Speranza, in cui abbiamo visto Finn e Han Solo intenzionati a intrappolare l’argentato capo degli Stormtrooper in un compattatore di rifiuti. Le foto dai set di Star Wars: Gli Ultimi Jedi e le foto che Vanity Fair ha rilasciato hanno fatto intendere che Capitan Phasma è sopravvissuta alla cosa, ma come?

Nel pre-annunciato mini arco narrativo presente in un fumetti parte della Lucasfilm Journey to Star Wars: The Last Jedi, rivelerà proprio come abbia fatto Phasma a scappare. La mini-serie in quattro parti quindi mostrerà la fuga del Capitan Phasma dal compattatore e successivamente dalla base Starkiller in procinto di esplodere, come una sorta di ponte di collegamento fra Il Risveglio della Forza e Gli Ultimi Jedi.

La sceneggiatrice della mini-serie, Kelly Thompson, ha avuto modo di parlare della cosa con Entertainment Weekly:

“I film di Star Wars, con così tanti fantastici personaggi, ovviamente non può approfondire troppo la storia di Phasma in un film dedicato, ed è fico che quella storia di Phasma verrà esplorata nella novel a fumetti dedicata. La cosa più intrigante di questa mini-serie è quando fummo investiti di una grande responsabilità, quella di creare un ponte narrativo fra Il Risveglio della Forza e Gli Ultimi Jedi – per rispondere alla domanda di come abbia fatto Phasma a fuggire dopo essere stata imprigionata nel compattatore di rifiuti. E’ fantastico ritrovarsi a scrivere qualcosa a tema Star Wars, ma è ancora più fantastico quando vieni incaricato di decidere quali saranno i collegamenti per un personaggio super-interessante introdotto in uno dei film più epici di sempre. E’ di un livello superiore!”

Qui sotto potete vedere alcune tavole e la copertina del primo numero a Capitan Phasma dedicato:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenti