Star Wars: Gli Ultimi Jedi, Rian Johnson a proposito di cosa ha imparato sul set

Star Wars: Gli Ultimi Jedi diretto da Rian Johnson sta adesso calcando le sale cinematografiche di tutto il mondo, e mentre raccoglie consensi e dissensi, ricordiamo che Johnson è stato scelto per dirigere la prossima trilogia che prenderà piede dopo Star Wars: Episodio IX, diretto ancora una vola da J.J.Abrams.

In un’intervista con The Hollywood Reporter il regista ha avuto modo di discutere a proposito di cosa ha imparato lungo la produzione de Gli Ultimi Jedi, che a suo avviso sono cose che lo aiuteranno a iniziare la nuova trilogia:

“C’erano così tante cose nuove per me, in termini di processo creativo. Tutto, da lavorare per la prima volta sul set, a farlo con i capi dipartimento. E’ stato un processo di creazione in cui è andato tutto liscio. Sembrava stranamente confortevole, ma in gran parte era del tutto nuovo, quini c’è stata anche una curva d’apprendimento. Sarà bello partecipare al prossimo sapendo un po’ meglio come funziona una macchina produttiva così grande. Era davvero una cosa sconosciuta per me, sia la dimensione che lo scopo del tutto erano diversi da qualsiasi cosa avessi fatto in precedenza. Adesso che non è più così mi sento come se potessi approcciarmi ad questa macchina produttiva senza il dubbio di non essere all’altezza.”

A Johnson è stato poi chiesto se avesse avuto già in programma una pausa prima di iniziare con il prossimo film, visto l’impegno che ha dovuto mettere in Gli Ultimi Jedi:

“Stiamo cercando di figurare il tempo che ci vorrà per il prossimo. Non lo abbiamo ancora compreso. Dirò, non credo sarò del tipo ‘sono esausto, ho bisogno di sedermi su una spiaggia per un mese’. Mi sento creativamente energico in questo momento. Mi sento come se volessi cominciare subito. L’intero sviluppo mi ha fatto sentire come se volessi fare di nuovo tutto subito. Non so perché. Non so se questo è un buon segno.”

Infine a Johnson è stato chiesto dove si svolgerà questo nuova trilogia, intendendo se sarà ambientata prima o dopo gli eventi circa la famiglia Skywalker:

“Sono proprio ai primi step dello sviluppo, ed onestamente, per quanto riguarda la timeline, non ne sono ancora sicuro. In un certo senso è interessante, ma in un altro è la parte meno interessante. Sto pensando più a come sarà la storia, da chi verrà guidata? Quali elementi presenterà? Che tipo di dramma avrà al suo interno? Adesso sto pensando più a questo. Per il momento sono solo eccitato dal potenziale, e sto iniziando a generare piccoli gruppi di idee riguardo a ciò che potrebbe essere.”

 

Commenti