Solo: A Star Wars Story, perché il Millennium Falcon appare diverso?

Quando il primo trailer di Solo: A Star Wars Story è approdato online certamente nella testa di molti fan si è presentata una serie di domande, com’è giusto che sia, ma una di quelle più importanti riguarda l’iconico mezzo di trasporto spaziale della nostra canaglia dal cuore d’oro, Han Solo.

In un frame del trailer abbiamo quindi visto il Millennium Falcon prima che diventasse “la ferraglia”, dall’aspetto interno profondamente diverso in termini di “pulizia” e molto meno vissuto. Ma una particolarità è saltata a gli occho di molti nella sequenza dell’inseguimento attraverso la nube a fine trailer, la parte anteriore dell’astronave è diversa.

Il dubbio è lecito quindi la domanda che ci poniamo è se il leggendario mezzo che ha fatto la rotta di Kessel in 12 parsec sia effettivamente quello che ha accompagnato prima Han Solo, poi Luke Skywalker ed infine Rey.

Lo è certamente, non credo ci siano dubbi su questo, ma se ben ricordate il primo incontro fra Han e Luke, quando quest’ultimo da vita alla iconica frase “what a piece of junk“, che si può tradurre in prosa come “che pezzo di ferraglia”, Han spiega di quanto la nave supera la velocità della luce e spiega di aver fatto diverse modifiche speciali da solo. Quindi quali sono queste modifiche? ancora non ci è dato saperlo e la risposta naturalmente arriverà con la visione di Solo: A Star Wars Story, ma dal trailer possiamo vedere, come detto sopra, la parte anteriore del mercantile corelliano significativamente diverso.

C’è una spiegazione però alla differenza nell’aspetto. Quello che vediamo nel trailer e essenzialmente com’era l’astronave fintanto che era rimasta nelle mani di Lando Calrissian, prima che quest’ultimo la perdesse contro Han Solo in una partita a sabacc. Come sottolineato da The Star Wars Show il look diverso del Millennium Falcon è parzialmente ispirato ai primi progetti di sviluppo visivo del leggendario artista Ralph McQuarrie.

Naturalmente a livello di storia questa modifica speciale andrà spiegata, non dovrà essere solamente estetica, ed è infatti questo che ha affermato Jon Kasdan (sceneggiatore e regista di The First Time) che ha scritto la sceneggiatura di Solo: A Star Wars Story con il padre, Lawrence Kasdan (co-sceneggiatore di The Empire Strikes Back, Il ritorno dello Jedi e Il risveglio della forza).

“Dove Han gli ha dato una certa freddezza squallida ed sfumatato la qualità visiva riflettendo il contesto di quel punto della sua vita, questo Falcon rispecchia il suo proprietario molto chiaramente nella sua forma, nell’estetica e nei suoi bisogni, anche se tali esigenze vertono un po’ più sullo spazio per intrattenere.

Una delle cose di cui io e Larry avevamo parlato era che il Falcon doveva sempre riflettere la personalità del suo capitano.”

Ciò significa che Lando, prima di Han, non lo utilizzava per trasportare merci ma come trasporto ambulante per i party. Anche Alden Ehrenreich, che ricopre il ruolo del contrabbandiere prima interpretato da Harrison Ford, ha detto alcune cose riguardo il Falcon, rivelando che forse Han ha le sue ragioni per le modifiche, anche se non sappiamo quali siano.

“Nella galassia è più sicuro volare con qualcosa che assomigli ad un pezzo di ferraglia. Le persone ti sottovalutano, specialmente se non stai facendo cose per il bene. Un po’ come hai più probabilità di essere seguito se guidi una Lamborghini.”

Per quanto riguarda infine la diversa silhouette non sappiamo perché il pezzo frontale non presenti la biforcazione, ed appaia effettivamente come un pezzo unito dando quindi all’astronave una forma a goccia. Si potrebbe pensare che per diventare una ferraglia il Falcon ne abbia affrontare di tutti i colori, e la mancanza di un pezzo fra le biforcazioni potrebbe semplicemente venire da un danno strutturale. O magari nasconde un arma. o serve per trascinare qualcosa intrappolandolo. Non lo sappiamo, e solo vedendo il film potremmo scoprirlo.


Supporta la redazione con una donazione


Sali a bordo del Millennium Falcon e viaggia verso la galassia lontana, lontana in Solo: A Star Wars Story, una nuovissima avventura con il più amato mascalzone della galassia. Attraverso una serie di audaci scappatelle nel profondo e oscuro del mondo criminale, Han Solo incontrerà il suo potente co-pilota Chewbacca ed il famoso giocatore d’azzardo Lando Calrissian, in un viaggio che segnerà il corso di uno degli eroi più improbabili della saga di Star Wars.”

Solo: A Star Wars Story uscirà nelle sale il 23 maggio 2018, con Ron Howard alla regia, dopo l’abbandono di Phil Lord e Chris Miller, su una sceneggiatura di Jon e Lawrence Kasdan.

Nel cast Alden Ehrenreich (Han Solo), Donald Glover (Land Calrissian), Woody Harrelson (Garris Shrike), Emilia Clarke (Kira), Thandie Newton, Phoebe Waller-Bridge, Ian Kenny, Warwick Davis, Spencer Wilding, Paul Bettany e Joonas Soutamo (Chewbacca).

Il film prenderà luogo dieci anni prima gli eventi di Una Nuova Speranza. La fotografia sarà a cura di Bradford Youg, mentre la colonna sonora porterà la firma di John Powell, ma il tema principale sarà composto da John Williams.