Robin Hood e Mowgli: Due film più maturi del previsto

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Il nuovo film di Robin Hood è in produzione da tempo, poco si sa anche di Mowgli di Andy Serkis, tuttavia entrambi hanno ricevuto dall’americana MPAA, che si occupa di imporre dei limiti d’età al pubblico, un PG-13 che in Italia equivale al “vietato ai minori di 14 anni”.

Questo significa senza dubbio alcuno che entrambe le pellicole si presentano come piuttosto mature, cupe e violente, Mowgli in particolare pare pronto ad un vero restyling rispetto alla versione precedente targata Disney.

Ecco alcune anticipazioni (Inglese):

Pare che la la classificazione PG-13 sia stata giustificata così per il nuovo Mowgli:

intense sequenze di violenza d’azione tra cui immagini sanguinanti e alcuni elementi tematici

Serkis stesso voleva un film più oscuro nella speranza di spaventare i bambini, non perché fosse cattivo, ma perché sa che amano essere spaventati e crede che film del genere siano più sofisticati, ha dichiarato infatti:

È un PG-13, più una sorta di film delle” scimmie “, un film leggermente più scuro, più vicino a quello di Rudyard Kipling. È bello spaventare i bambini in un ambiente sicuro perché è una parte importante dello sviluppo e tutti noi amavamo essere spaventati da bambini, quindi non dovremmo proteggerli eccessivamente. I bambini sono così, ed è per questo che il nostro “Libro della giungla” è piuttosto buio.

Robin Hood invece non sorprende, la maggior parte dei film dedicati al famosissimo ladro arciere sono stati classificati come PG-13, da quello di Kevin Reynolds: Robin Hood – Il principe dei ladri, fino a quello di Ridley Scott più recente, con un ottimo Russel Crow.

Vi aggiorneremo su notizie riguardanti questi due interessanti film appena saranno annunciate le date presunte d’uscita.