PRE-RECENSIONE – TOMORROWLAND – IL MONDO DI DOMANI

Allora, appena finito di vedere questo film e come dico sempre “appena” vuol dire la sera prima nei deliri dell’insonnia.

tomorrowland

Eccolo qua, Tomorrowland – Il Mondo di Domani, della Disney, e non che mi aspettassi un colossal, d’altronde è Disney, ma boh… sono rimasto piuttosto confuso. Bada, non deluso, confuso. Il tipo di delusione che lascia questo film è di tutt’altro tipo. E’ come se io vi mettessi di fronte ad un succulento pollo arrosto di rosticceria, vi dicessi di gustarvelo tutto e vi detto pure una pillola per non sentire lo stomaco pieno così da mangiarvelo tutto, e all’improvviso ve lo togliessi da sotto gli occhi e lo polverizzassi con un blaster.

Iniziamo dicendo che non ho niente da dire sulla regia, è buona, classicistica ma buona e la fotografia rende tutto molto luminoso e spettacolare, ma il film ha qualcosa che non va. TL_Tsr_1-Sht_v4_LgFin dai primi momenti ti rendi conto di qualcosa che non sembra fin da subito preciso. Qualcosa che stona, che lascia in sospeso suspance, hype, attesa e non sono gli attori. Il film ha grosse pecche di, diciamo, mantenimeno dell’aspettativa.

Da uno come Brad Bird mi aspettavo qualcosa di spettacolare, dopotutto Il Gigante di Ferro e Gli Incredibili lo erano, veramente fantastici, quindi mi aspettavo qualcosa che uscisse dalla sua mente, qualcosa che mi sbalordisse ed inizialmente poteva anche esserlo, ma la sceneggiatura ha dei problemi, non gravi ma strani. Cerca di raccontarti qualcosa, s’interrompe all’improvviso bruscamente e riparte con l’inizio di un nuovo racconto. Inizialmente si può pensare ad un montaggio smembrato che porta alla fine ad un puzzle che tu come spettatore devi ricomporre, e andrebbe bene so fosse così, sarebbe interessante per la Disney, a una volta arrivati al finale ci accorgiamo che non è così. Non c’è nemmeno il problema del buonismo. Spesso in questo tipo di film si cade nel buonismo, e, nonostante io detesti questo tipo di cose, posso accettarlo se c’è una ragione valida, se la sceneggiatura si regge e porta a quello, ma no, nemmeno questo.
La pecca principale sta li, la trama è strutturata male, non ti fa affezionare a nessuno dei personaggi in particolare e non scatta la reazione emotiva a fine ma nemmeno a metà.

Il cast va bene, non vado matto per George Clooney ma va bene. La protagonista è piuttosto anonima, e sembra quasi che il vero protagonista sia Clooney, e lei un mezzo per che lui possa fare quello che le esigenze di trama prevedono. Nient’altro da dire. Il cast è anonimo, acerbo, sembra quasi incompleto. Il film in se ha questa come maggiore pecca, si perde nel sensazionalismo visivo ammazzando i contenuti che potevano fare un bel film. Citando una battuta del film stesso:” Devi per forza spiegarti tutto? Non puoi solo guardare e meravigliarti?”
Beh no, non posso.

Voto -5/10

Commenti

0 thoughts on “PRE-RECENSIONE – TOMORROWLAND – IL MONDO DI DOMANI

Rispondi