RECENSIONE – FANTASTIC FOUR

Ok, ho appena finito di vedere questo… film, se così si può chiamare, e le mie conclusioni on-offnon sono per niente buone. Appena è un termine improprio ma vabbhe! Partiamo con una pre-recensione di Fantastic Four, che poi, forse andrà anche sul canale. Ah! Se volete iscrivervi il link è nell’immagine!

Partiamo col dire che non ho avuto nemmeno mezzo hype per nessun momento per questo film. Anzi ho anche fatto un video al riguardo quando trapelarono su internet le prime informazioni circa la trama del film. Non ho fatto i salti di gioia, e, a discapito di essere impopolare, anche se avevano i loro difetti qua e la, i primi due Fantastic Four non mi dispiacevano per niente. Ok, erano corollati da una sequenza di battutine idiote e scene riempitive sena senso, ma almeno mantenevano lo spirito della “famiglia” e i toni caricaturali e colorati dei Fantastici 4. Questo prodotto dark alla Josh Trank non fa altro che far capire che l’aspetto dark va bene solo per la DC Comics, e nemmeno per tutto. Fortunatamente il dubbio più grande che avevo riguardo la pellicola è stato smentito, e mi riferisco al cast che appare molto buono e capace nonostante la giovane età.

Michael_B._JordanLa torcia umana di colore mi aveva sdubbiato parecchio, ma alla fine fine è solo il politically corret di Hollywood che pretende il suo spazio. In fin dei conti non rende male la famiglia di colore che adotta la ragazzina bianca, Sue Storm, ma solo ed unicamente perché la cosa non viene approfondita per nulla. Good Job! Almeno non sono ex come lasciavano presagire i rumors quasi un anno fa.

Michael B. Jordan approvato!

Kate Mara è stata semplicemente fantastica, e non era facile con una sceneggiatura così
mal messa. Devo dire che è uno dei personaggi che mi è piaciuto di più in questo film. Mancano alcune connotazione al suo personaggio, come il flirt con Reed, che sembrerebbe accennato con una parte fan15iniziale e poi non approfondito; un attimo di approfondimento in più del rapporto padre/figlia adottiva, che visto che l’hai fatto dagli un po’ di spessore cazzo! Ed infine il rapporto con il fratello che è un po’ acerbo e poco caratterizzato. Cose che potevano dare un po’ più di spessore alla trama, ma hanno cazzato anche in queste. La resa dei suoi poteri è piuttosto forte, e pure quella della sua responsabilità in quanto unica col un po’ di sale in zucca in tutto il Baxter Reserch Lab, che fra l’altro non hanno mezza sicurezza in uno stabile dove si sta costruendo una macchina che se cazza la messa in moto potrebbe creare un buco nero che inghiottirebbe la Terra. Ok, ci credo!

Passiamo a Victor Von Doom è da sotterrare è far finta che non sia mai esistito. E’ una specie di hackerDoctor_Doom_2015 anti sociale, e qui la prima gaffe, che pecca di presunzione e rovina la vita a quattro persone. No ma, ok eh! In più la versione “after incident” sembra una strana fusione fra un Dr. Doom che si è fatto una lampada completa con del metallo fuso addosso, e La Cosa di Carpenter! In più, per finire in bellezza, non ho capito che cazzo di poteri ha! Cioè è telecinesi? Altera gli schemi corporei? Innalza la temperatura? Ti materializza un termosifone all’interno del corpo? Boh! Non s’è capito. Questa versione è il parto di troppa coca seconda me!

Ed infine parliamo di Ben e Reed. I due bene o male rendono abbastanza e rispettano i canoni che dovrebbero rispettare, a parte il fatto che Ben faccia lo sfascia carrozze. Vabbhe! Il loro rapporto di amicizia profonda, l’abbandono da parte di Reed che avrebbe dovuto curarlo Ben, tutto piuttosto buono, infatti fino a metà vengono rispettati i canoni the-thingpresi dalla collana di fumetti Ultimate Fantastic Four. Il guaio avviene quando arrivano i poteri, e tutta la trama va a farsi benedire.

Mi piace molto come hanno reso la comprensione dei poteri e le difficoltà che si hanno possedendoli, ma questo su Trank aveva già fatto pratica in Chronicle. In sintesi su Reed c’è poco altro da dire se non che potrebbe essere quasi inteso come vero e proprio villain della situazione, ma non vi spoilero; e Ben, ops, La Cosa, rende abbastanza bene il fatto di essere un enorme bestione fatto di roccia e tormentato dal mostro che è diventato, ma ancora non capisco la questione dei pantaloni. Cioè, la mutazione gli ha tolto il pene? O spunta tipo stalagmite? 

michael-chiklis-as-ben-grimm-in-4-rise-of

Alla fine parliamo del film in genere. La trama regge abbastanza bene fino al minuto 56, dove vengono rispettate abbastanza le dinamiche prese da Ultimate Fantastic Four, ma poi tutto va in degenero fino a creare un film troppo corto e povero di contenuti, quasi come se fosse un lungo trailer di un ora e mezza. La regia è giovanissima e piuttosto scialba, senza cose degne di nota e anzi quasi fanciullesca. Gli effetti speciali lasciano completamente a desiderare, lasciandoci comprendere che questo film ha avuto chiaramente problemi di budget. Cioè, guardando La Cosa che è realizzata benissimo, poi nella N-Zone la fotografia cala drasticamente, rompendo l’immagine da sogno che poteva dare. Quindi questo film si conferma per quello che pensavo che sarebbe stato, una mera mossa della Fox per mantenere i diritti del quartetto e poi rivenderli dopo il disastro di questo film. Vi assicuro che se avete avuto anche solo mezzo dubbio sui precedenti due film dei Fantastici Quattro, qualsiasi essi siano, in confronto a questo film sono due versioni di Avengers!

Voto 4/10

Commenti

0 thoughts on “RECENSIONE – FANTASTIC FOUR

Rispondi