PRE-RECENSIONE – DEFIANCE

Ok, della serie “appena finito di vedere” dove appena significa la sera prima in preda all’insonnia, parliamo di una grande serie poco conosciuta.

defiance-syfy

Appena finito di vedere questa serie fantastica Defiance, e per la prima volta, arrivati ora alla fine della terza stagione, voglio recensire la mia prima vera serie sci-fi.

E’ vero, Star Trek è la prima vera serie di fantascienza che abbia visto, ma perso nei meandri di comedy, action e fantasy, cercavo disperatamente qualche serie di fantascienza che riuscisse a soddisfarmi, così mi ricordai che su Sky c’era il canale AXN Sci-Fi. Ne cercai a iosa ma nessuna in particolare mi sconfiferava. C’era quella con grandi effetti speciali ma scritta col culo, quella scritta bene ma con effetti scabrosi, quella scritta bene e con effetti buoni ma con attori cani, insomma nessuna in particolare mi convinceva. Poi trovai questa serie che parlava della propria storia come una sorta di western fantascientifico, con degli attori di alto calibro ed altri molto giovani, in termini di carriera attoriale, con tanto da dimostrare. E così presi a guardare Defiance.

C’è da dire che il doppiaggio in italiano mi lasciò non poco deluso, ma non nel nostro bel paese non brilliamo con i doppiaggi delle produzioni più piccole, così la ripresi in lingua originale, e da quel momento questa serie mi ha catturato come pochissime altre ci sono riuscite al primo colpo. Se seguite il blog e il mio canale youtube sapete che la maggior parte delle cose che guardo e che mi appassionano all’inizio non mi piacevano, ma per Defiance non è stato così.

Forse è colpevole il fatto che amo le storie che vengono raccontante attraverso gli occhi di una coppia improbabile come padre e figlia adottiva, mettiamoci poi che il protagonista iniziale è un veterano di una guerra scoppiata a causa egli umani che non voleva dividere il pianeta con sette razze alla deriva nello spazio, e mettiamoci pure che la figlia è di origini aliene. Mettiamoci trame che s’infittiscono, problemi politici di una Terra del tutto nuova martoriata da armi terraformanti, segreti a metà fra mistici e tecnologici, e il continuo rimescolarsi degli animi, degli ideali e della dicotomia fra bene e male.

Defiance_hero_302C’è poco da dire sul cast. Tutti, dal primo all’ultimo mi sono piaciuti, anche un attore in particolare che compare nella terza stagione a cui nessuno, visto la trash trilogia a cui ha preso parte di cui non farò il nome, crederebbe. Non devo citarvi la figlia di Bill Murray per farvi sapere il livello del cast, ma posso citarvi nomi come Tony Curran e Graham Greene, o Stehanie Leonidas e Julie Benz, insomma anche il cast contra stelle minori in termini di fama cinematografia, ma vere eminenze di teatro e serie tv. Non a caso la serie è il cavallo di battaglia del canale statunitense Sy-Fy

La regia però è il vero punto alto di questa serie a livello tecnico. La fotografia è molto bella, con colori naturali e non con il classico Tale Blue & Orange che da un tocco di irreale a tutto. I colori sono mantenuti nel loro modo originale di brillare negli occhi dello spettatore, grazie anche alle scenografie ed i paesaggi riprodotti interamente. Forse solo l’arco di Saint Luis è riprodotto in CGI, ma sfido io a trovare una computer grafica migliore in una serie a basso budget come questa. Tornando alla regia, i movimenti di macchina defiancehanno dei tocchi particolari, come movimenti a steady cam piuttosto fermi, poi c’è il vizio di girare intorno agli attori mentre parlano, invece di riprendergli semplicemente la faccia. Abbiamo il tocco riconoscitivo di Kevin Murphy, che il più delle volte sta proprio dietro la macchina da presa, con inquadrature ampie che riprendano almeno due attori, e una attitudine poi alla ripresa stretta nei momenti di pathos. Devo parlare poi del comparto di trucco e parrucco? E’ difficile trovare un make up migliore con un budget come quello che la serie ha. Merito dei truccatori che come Tony Curran vengono dalla terra natia della miglior squadra di make up artist che ci sia nella televisione, ovvero l’Inghilterra.

Vabbhè sto divagando. Concludiamo dicendo che questa serie è una delle migliori Sci-Fi degli ultimi tempi, e non solo, è responsabile di una escalation di nuove serie di classe, con una cura migliore alla sceneggiatura, agli effetti special e sopratutto al comparto attoriale e alle scenografie. Defiance si merita un voto alto non solo perché è una grande serie, ma anche perché è la serie testimone che anche quando tutto e contro di te, un regista con una idea fantastica può farsi strada tra i grandi. La serie a livello di pathos fa il culo a strisce ai “grandi” della fox, della CBS e della ABC, senza però vantarsi della cose e rimanendo il prodotto da canale sci-fi che è stato fin dalla nascita.

Voto 9/10 (non 10 perché la prima stagione è più per presentare che per raccontare)

Commenti

0 thoughts on “PRE-RECENSIONE – DEFIANCE

Rispondi