La Moglie di Frankenstein: David Koepp aggiorna riguardo il progetto

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

All’inizio del 2016 a cavallo con l’anno precedente vi avevamo parlato di come la Universal si stesse preparando a far scendere in campo il proprio piano di battaglia agli universi condivisi cinematografici, riportando in auge un franchise anni 30-40, l’universo dei mostri.

Sappiamo tutti che il film con protagonista Luke Evans, Dracula Untold, non è stato pensato inizialmente come parte di qualcosa di più grande, ma grazie al buoni incassi anche se con una modesta risposta dalla critica, il film si è posto come Ironman fece ai tempi dell’inizio del Marvel Cinematic Universe, come punto di partenza.

Per quanto mi sforzi non riesco ad immaginare cosa la Universal voglia combinare con questo universo, anche se spero in una trama ispirata da La Leggenda degli Uomini Straordinari naturalmente piegata al contesto horror/mostri, ma parlando di un altro dei tasselli di questo universo espanso ecco che in una recente intervista David Koepp, sceneggiatore de La Moglie di Frankenstein, ha parlato con Collider del film:

“Lo amo. È uno degli script che ho preferito scrivere negli ultimi anni, perché rivisitare la storia di Frankenstein significa affrontare molti problemi legati al desiderio degli uomini di dominare le donne. La storia di qualcuno che dice: Non sono di tua proprietà è una storia di liberazione. È stato fantastico, spero che il progetto parta il prima possibile, perché sarebbe un film fantastico.”

In ultimo poi si è lanciato in una spiegazione riguardo l’universo condiviso dei mostri, permettendoci di saperne un po’ di più:

“In corso di stesura del copione sono rimasto in contatto con la Universal ed i produttori de la Mummia, così da avere un’idea di quello a cui stavano lavorando. Non potranno essere film troppo dissimili, anche se un po’ lo saranno in base alla creatura.

Le storie naturalmente si adatteranno allo stile del mostro che racconteremo, e per esempio nella nostra, la Moglie è essenzialmente una figura amichevole, tragica e tormentata. La Mummia invece è una entità negativa che va fermata.”

mondo-kevin-tong-bride-of-frankenstein

2 thoughts on “La Moglie di Frankenstein: David Koepp aggiorna riguardo il progetto

Rispondi