Il film si chiama MAGGIE, non Contagious! Maremma maiala!

Sapete, la passione per i film, serie tv e cinematografia in generale, e come una relazione con un tuo amico molto caro. Ci parli, ci scherzi tutti i giorni, delle volte ci bevi insieme e fai cose assurde, ma delle volte ci sono anche i momenti che ti verrebbe voglia di prendere questo amico, spezzargli tutte le ossa e usare le sue ossa rotte per sventrare la sua macchina. Questo è uno di quei momenti nel quale, come successe per La Storia della Principessa splendente, che venne tradotto male il titolo che in originale era The Tale of Princiess Kaguya, dove la parola “Kaguya” significa “notte splendente” e, se avete visto il film, è essenziale per la comprensione della trama, anche nel film che sto aspettando con trepidazione è stato cambiato il titolo. MA PER QUALE CAZZO DI MOTIVO LO FATE???.

Il 25 giugno in Italia uscirà l’horror intitolato Maggie con Arnold Schwarzenegger. Distribuito nel nostro paese da M2 Pictures, che verrà chiamato Contagious – Epidemia Mortale. Al fianco di Schwarzenegger troviamo Abigail Breslin nei panni della figlia Maggie. La sceneggiatura è stata scritta da John Scott mentre la regia è di Henry Hobson.

Qui c’è il poster.

Tanto per fare chiarezza, nel film Schwarzenegger interpreta un padre che decide di rimanere al fianco della figlia nonostante questa si trasformi lentamente in una zombie cannibale a causa di un virus che sta mettendo in ginocchio il mondo. Cosa cazzo intitoli a fare un film Epidemia mortale? Gli togli il senso! Il film, come ho scritto, s’incentra sul rapporto padre-figlia, e sulla inevitabile trasformazione di quest’ultima in un mostro cannibale. Non vuole essere un altro zombie-movie d’azione, ma una introspezione sofferente nel cuore di un padre che ama sua figlia, ma che non può fare niente per salvarla. La tagline è chiara: SAVE HER, CURE HER, KILL HER, non c’entra niente questo stupido titolo!


Vi ricordo che per sostenere il blog bisogna che vi iscriviate al canale youtube! YouTube-icon-full_color

Commenti

Rispondi