Hollywood contro la Georgia: alcune produzioni potrebbero abbandonare lo stato per via di un disegno di legge

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Come sapete lo stato della Georgia è diventato una destinazione fra le favorite per le varie produzioni di cinematografiche che seriali, grazie a degli incentivi fiscali generosi, palcoscenici di alto livello e crew di veterani dell’ambiente. The Hunger Games, The Walking Dead, Black Panther e Stranger Things sono solo alcune delle produzioni di grande budget che hanno levato le tende nel Peach State lungo gli ultimi anni. Tutta questa attività è stata ripagata, con studi che hanno stimato che l’industria cinematografica ha fornito 9,5 miliardi di dollari di attività economica nello stato nel 2017.

Ma una nuova legge al Senato della Georgia, che renderebbe legale, per le agenzie di adozione finanziate dai contribuenti e i fornitori di affidamento, di scegliere di non lavorare con coppie dello stesso sesso, sta mettendo a dura prova quei legami. Gli oppositori della legislazione credono che sia un’idea bigotta, mentre i suoi sostenitori affermano che sia una questione di libertà religiosa.

Gli studios si stanno rifiutando di commentare la vicenda nelle ultime ore, ma attori, produttori e showrunner stanno controbattendo alla legislazione spingendo le aziende a ritirare le produzioni dalla Georgia se il disegno di legge non passerà alla Camera dei Rappresentanti della Georgia. Ben Wexler, uno degli scrittori e produttore di “The Grinder” e “Arrested Development”, ha portato il suo sfogo su Twitter scrivendo: “Ai miei colleghi showrunner: se questa proposta stupida diventa legge, smettiamola di andare a filmare show televisivi in ​​Georgia.

Il suo tweet è stato “mipiaciato” da ben 64.000 persone e condiviso da 17.000. Le sue osservazioni sono state condivise anche da Dustin Lance Black e Billy Eichner, come pure da gruppi di attivisti che hanno “suonato l’allarme”. Sarah Kate Ellis, presidente e CEO di GLAAD, ha definito il disegno di legge “un pericoloso passo indietro“.

“Questo disegno di legge non riguarda la libertà di religione”, ha detto Ellis. “Che è uno dei valori fondamentali della nostra nazione, ma piuttosto riguarda l’imporre le proprie convinzioni religiose personali agli altri per discriminare i genitori adottivi, semplicemente a causa della loro identità e negare servizi ai giovani LGBTQ.”

In un’intervista rilasciata a Variety, l’autore del disegno di legge, il senatore repubblicano William Ligon, ha affermato che la legislazione non intende discriminare le coppie gay. Ha detto che espanderà il numero di organizzazioni che possono trovare case per figli adottivi. Ligon ha sostenuto che i critici della legislazione stanno distorcendo le sue intenzioni.

“Ciò che [i critici] non riescono a riconoscere è che c’è un vero bisogno per i bambini in circostanze difficili di trovare una casa permanente”, ha detto. “Questo disegno di legge non dice che una coppia gay non può adottare un bambino o un’agenzia gay non può contrattare con lo stato. Quella porta è aperta e disponibile per molti bambini nelle case adottive.”

La Camera di commercio della Georgia, la Metro Atlanta Chamber, e le società con legami locali come Coca-Cola e Delta, hanno fatto pressioni sul governo della Georgia per cancellare questo disegno di legge, sostenendo che la legislazione scoraggerà le aziende dal fare affari nello stato.

Certamente tutta questa questione non fa bene ad uno stato ospite molto spesso anche di produzioni cinematografiche come quelle Marvel Studios (che per inciso portano molti soldi nelle casse dello stato), e questa “battaglia” indetta da alcuni membri della Hollywood moderna non può certo giovare allo stato. C’è da dire però anche che pubblicamente i vari studios di Hollywood sono rimasti in silenzio, probabilmente perché in molti hanno ritenuto di poter influenzare le masse a ritorcersi contro i conservatori sociali della Georgia.

Se la legge passasse questo potrebbe voler dire la fine della collaborazione fra lo stato della Georgia ed alcuni fra i più redditizzi e influenti studi cinematografici e televisivi? Che ne pensate?