Gotham City Garage: il nuovo Batman di questa affascinante storia Elseworld

In un mondo senza Superman la società è condannata a cadere… e porta con se Batman. Questo è il caso di Gotham City garage, la nuova serie DC Comics che setta uno stile a metà fra post-apocalittico e cyberpunk per i suoi grandi eroi ed eroine.

A differenza di altre storie Elseworld che esplorano possibili futuri da incubo dell’universo DC, Garage immagina un presente da incubo. Uno terrorizzato che i nuovi fan di Batman potrebbe non riconoscere.

La serie si concentra principalmente sulle donne dell’universo DC, con Supergirl reinventata come figlia di Jim Gordon, ed una banda di femme fatales che libera la wasteland americana dal controllo di Lex Luthor. Il miliardario di Metropolis è stato introdotto velocemente come sovrano dell’ultima città americana e maestro di Batman, il suo difensore dall’ideologia similare al fascismo.

Una dura pillola da ingoiare per i fan del Cavaliere Oscuro (specialmente per quando Bruce uccide Jim Gordon all’inizio della serie), ma ora che che questo nuove origini di Batman sono state rivelate, la fantasia fascista è molto più fedele di quanto possa sembrare.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quando le ragazze prendono il sopravvento sul pipistrello – grazie all’aiuto di Wonder Woman – e lo fanno uscire dal controllo tecno-psichico di Lex Luthor, non è ancora il Bruce Wayne che i fan conoscono. Ma grazie ala sceneggiatura di Collin Kelly e Jackson Lanzing, lo vediamo in una caratterizzazione molto similare a quella di Bruce, anche mentre percorre quella via particolarmente malvagia le vediamo inarrestabile e riluttante ad arrendersi. Bruce non avrebbe avuto bisogno di cambiare poi così tanto per diventare il micidiale e intransigente cagnolino di Lex Luthor… presumendo che la Terra fosse caduta in un baratro e Superman non si fosse mai presentato per salvarlo.

La trasformazione di Bruce da uomo normale a forza della natura inizia ancora a Crime Alley, tra i cadaveri dei sui genitori. Ma nel passato alternativo di Gotham City Garage è stata la stessa notte in cui la Terra è stata colpita da una catastrofe globale, responsabile del suo aspetto alla Mad Max. Non è ben ciò che ha causato il “Worldburn”, il falò del mondo, e che ha creato il pipistrello dentro a Bruce Wayne, ma ha sappiamo che ha trasformato il mondo in una prova di sopravvivenza che ha forgiato Bruce nel suo allenamento per diventare Batman.

In questa versione della storia DC, Bruce si affina e combatte per rimanere in vita in ciò che è rimasto della vecchia Gotham. Quando Lex Luthor arriva per inizia a ricostruire Gotham e trasformarla in “The Garden”, una protetta ultima città, Bruce era diventato l’esatta cosa che serviva per mantenere l’ordine in città. Potrebbe risultare doloroso vedere Batman agli ordini di Lex Luthor, ma se non altro Gotham City Garage dimostra ancora una volta che Superman era l’ingrediente mancante nella più nobile ed eroica forma di Batman.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Commenti