George R. Martin in un cammeo nella serie Asylum Z Nation!

Allora, partiamo col dire che qualche puntata di questa serie l’ho guadata, e per essere un prodotto di The Asylum, che credo conosciate tutti per la trilogia di Sharknado, non mi ha dispiaciuto. Oddio, è un prodotto chiaramente trash, ma questa volta voluto. Eh si, perché la Asylum ha cominciato con copie plagiate di film più famosi, con operazioni di marketing della serie:” Lo faccio uscire prima così tutti penseranno che il big ha copiato da me.” Un po l’Andreani della filmografia. Se non ne avete mai visto uno vi invito a guardare la mia recensione di Atlantic Rim, copia del famoso film di Guillermo del Toro. La trovate nella playlist qui sotto.

La casa di produzione ha cominciato così ma poi si è ubriacata della sua stessa fama, facendo del trash inconsistente il suo marchio di fabbrica. Una mossa stupida potrete pensare, ma invece no. Perché gli amministratori della Asylum lavorano in segreto anche in altre produzioni di cui non vi dirò, potrei distruggervi i suddetti film.

Comunque andiamo avanti parlando della serie Z Nation, andata in onda anche su Sky al canale AXN Sci-Fi. Questa serie è subito riconoscibile per la totale idiozia del parlato, ma con una sceneggiatura che si regge in piedi, e il solito filtro grigiastro che la Asylum usa in continuazione. Mi aspettavo un altro disastro, ed invece potrei quasi chiamarla la controparte di The Walking Dead.

Mentre la serie di Kirkman si concentra sui personaggi, con una regia sporca ma meravigliosa, una sceneggiatura di tutto punto e in generale in comparto tecnico fantastico, Z Nation è tutto l’opposto. E’ una serie cattiva, volutamente trash, con yhvg9jstqeeqqk2uoqjppersonaggi al limite di epico/ridicolo, ma che se ne escono ogni tanto con perle di tamarraggine trash che ti fanno sorridere. La serie non si prende per niente sul serio, ti conivolge con il suo essere volutamente trash, e ti intrattiene pure. Devo dire che è un prodotto mediocre, di basso livello, ma che in confronto a gli altri prodotti Asylum si risolleva. Ci si potrebbe incapponire sugli effetti speciali, ma se la prima trilogia di Star Wars ci ha insegnato qualcosa, non sono gli effetti speciali a rendere bello un prodotto.

Ed il livello di epicità trash potrebbe salire ancora di più per la cosa che sto per dirvi. Mentre mezzo mondo aspetta che il caro scrittore finisca il suo nuovo libro, il caro George R. Martin si da al cammeo, anche se non per la prima volta dato che era comparso in altri due prodotto Asylum chiamati Sharknado 3 e La Bella e la Bestia. L’autore delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco parteciperà proprio all’ottavo episodio della seconda stagione di Z Nation nei panni di uno zombie. Vi direi aguzzate la vista ma sarà piuttosto evidente!

grimm-01 grimm-02

grimm-03_0

Qui sopra trovato la foto della sua comparsata, nella quale vediamo Martin in versione zombie mentre firma le copie dei suoi romanzi, e prova a mangiarne uno. Il titolo del libro è “A promise of Spring”, ironicamente ispirato al titolo che ci si aspetta avrà il settimo romanzo della sua saga, A Dream of Spring. Quasi una presa per il culo! Riguardo la cosa Martina ha commentato:

Voglio solo dimostrare ai miei fan che anche nel caso di una apocalisse zombie, i romanzi delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco continueranno a uscire.

Dai rumors sembra che interpreterà uno zombie imprigionato da un personaggio chiamato Il Collezionista, che cattura celebrità diventate zombie e incatena il noto autore a una scrivania. Lasciatevi andare all’epicità trash!

Commenti

Rispondi