George Miller parla di come sarebbe stato il suo Man of Steel

In una recente intervista George Miller ha parlato di come sarebbe stato il suo Superman nel film della Justice League che avrebbe dovuto dirigere nel 2009, con D.J.Cotrana nel ruolo dell’Uomo d’Acciaio.

batmanvsupermandawnofjusticesteel-banner

Ecco cosa ha detto:

Credo sia stato detto diverse volte in passato: potenzialmente si tratta di un personaggio estremamente noioso perché non ha difetti, quindi devi scavare nei suoi demoni per dare forma allo sviluppo di un conflitto. Lo devi fare. E puoi trovarlo sia al suo interno che tramite un agente esterno. Per questo le divinità della mitologia greca erano così interessanti. Erano gelose, vendicative, vittime dell’hybris. Erano afflitte da tutto questo. E infatti Batman è un personaggio interessante proprio perché è umano, dunque come noi. Ti puoi mettere in relazione a lui, contrariamente a qualcuno che è la perfezione assoluta.

Il regista ha spiegato anche come avrebbe visualizzato sul grande schermo il personaggio:

Nei termini di quello che avremmo fatto, chiaramente non avremmo fatto volare Superman e Wonder Woman con dei cavi, sarebbe stato in CG, ma in casi del genere ti fai il cu*o per non avere una CG invasiva e posticcia. Se ne sarebbe dovuto occupare Ken Ralston, che è un maestro in questa arte.

Infine, ribadisce il suo sostanziale disinteresse nell’assumere la direzione del sequel di Man of Steel 2:

Direi di no. Scusatemi ancora, non è che voglio fare il falso modesto. Ho tante cose da fare e non so quale farò poi, ma di sicuro non sarà il sequel di Mad Max. Sarà un film piccolo, dove le cose non saranno tecnicamente difficili, ma tecnicamente interessanti.

Commenti

Rispondi