David Cronenberg contro la Weinstein e la pellicola!

Il grande regista David Cronenberg ha di recente fatto visita al Reykjavik International Film Festival per ricevere un premio alla carriera e per l’occasione, ha tenuto una conferenza in un auditorium dell’Università d’Islanda dove ha parlato della sua carriera, del suo metodo e delle rogne della produzione di film indipendenti. In maniera piuttosto colorita aggiungerei.

David-Cronenberg-4

Ha ammesso con grande orgoglio di non essersi mai piegato alle logiche di mercato; anche nel caso di divergenze con i produttori, grazie al suo machiavellico sovversivismo canadese, è sempre riuscito a preservare l’integrità delle sue opere. Ma in maniera meno generalistica si è proprio buttato sulla cosa per lui più importante, una critica verso una casa si produzione in particolare.

Prima regola per fare film: mai lavorare con i coglioni. Non farò nomi…. gli Weinstein, che mentre monti il tuo film ne stanno già montando una versione tutta loro.

Poi al regista è stato chiesto di esprimersi sul “digitale” spiazzando tutti:

Credo che il digitale sia di gran lunga superiore. Anche i registi come Spielberg, che amano la pellicola, finiscono per usare il digitale per il montaggio e la correzione del colore. Non mi importa che la Kodak sostenga il contrario. Dimentichiamocene. Le pellicole che finivano al cinema erano orrende rispetto alle originali che producevamo noi. L’unica cosa della pellicola che mi manca davvero è l’odore nella sala montaggio. Ma magari si potrebbe comprare il deodorante per ambienti, dovrebbero cominciare a vedere l’Eau de Kodak.

Commenti

Rispondi