CinemaScore risponde alle critiche di Martin Scorsese

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Recentemente il grandissimo regista statunitense Martin Scorsese (che ci ha regalato cult quali Taxi Driver, o il più recente Silence) si è scagliato contro i siti di recensioni come Rotten Tomatoes CinemaScore, affermando che stanno ‘svalutando il cinema’, permettendo alla gente di giudicare instantaneamente il film prima ancora che tutti lo possano vedere. Un’affermazione che ha gettato ancor più benzina sul quell’enorme fuoco che sta divampando intorno a questi siti, e, grazie ad IndieWire, sappiamo che il direttore di CinemaScore, Harold Mintz, ha risposto al fuoco durante un’intervista con The Playlist.

Qui le sue parole:

Per iniziare, è importante capire che CinemaScore non dovrebbe essere collegato a Rotten Tomatoes. Lo scopo di CinemaScore è stato quello di sondare gli spettatori notturni in apertura per permettere agli altri che non partecipano alla serata di apertura di sapere se il film merita il loro denaro duramente guadagnato. Fare un loop di CinemaScore con un servizio basato su critici (Rotten Tomatoes) mostra che Mr. Scorsese non ha idea di cosa rappresenti CinemaScore.

E continua:

Se a loro non piace il film, quell’opinione viene filtrata a coloro che sono disposti ad aspettare una settimana o due per vederlo. CinemaScore soddisfa il pubblico che PIÙ vuole vederlo. I dati sono mortalmente accurati. Correla anche al botteghino. Seppellire questi risultati come vuole suggerire il signor Scorsese, dice solo che non vuole che i suoi fan facciano sapere agli altri se il suo ultimo film rispetta le aspettative.

Mintz arriva ad affermare che se Scorsese critica il meccanismo di CinemaScore allora vuol dire che critica la possibilità dei suoi fan di esprimere la loro opinione:

Mi confonde il motivo per cui Martin Scorsese vuole censurare i suoi fan di esprimere le loro opinioni. Riesco a capire le sue preoccupazioni con Rotten Tomatoes perché le loro opinioni vengono rilasciate PRIMA che il film venga pubblicato, il che potrebbe causare il problema di cui è più preoccupato.

Voi cosa ne pensate di tutta questa faccenda? Io sono dell’idea che tutto ciò sia del tutto inutile, e che un film vada visto indipendentemente da come viene accolto, così che tutti si possano fare un’opinione in merito all’opera in questione.