Batman VS Avengers. Chiaro chi vince, no?

Come noto Batman non ha alcun super-potere, ma nonostante tutto l’Uomo Pipistrello ha dimostrato di avere una mente brillante, grandi abilità nel combattimento e una serie di super gadget dalla sua parte. Grazie a queste cose più un insaziabile spirito di investigazione, e una mente impenetrabile anche dai peggior attacchi psicologici, ha potuto tener testa a svariati super criminali ed anche ad alcuni membri della Justice League. Ma dopo aver trovato la suddetta immagine mi sono chiesto se farebbe lo stesso contro gli Avengers. Cerchiamo di arrivare ad un punto! Batman, possiamo dire che come super potere abbia la sua intelligenza e il suo grande spirito di adattamento, quindi sicuramente andrebbe a combattere il sestetto come ha sempre combattuto. Mettiamo in tavola uno scenario ipotetico. Vi avverto che è un po lunghino.

batman-vs-the-avengers-jpeg-302188

Il nostro Bruce Wayne se ne sta tranquillamente seduto davanti al suo Bat-computer quando un’anomalia minaccia di distruggere Gotham City e tutto il mondo. Il nostro uomo pipistrello non lo può permettere, analizza l’anomalia e comprende che è un portale per un altro universo. Allora decide che comprendere di più cosa c’è dietro quello squarcio del tessuto della realtà, e si lancia dentro l’anomalia con il suo Bat-wing prontamente modificato con l’aiuto di Alfred. Fra scossoni e lampi di energia viene catapultato in una New York alternativa del tutto uguale a quella della sua realtà se non fosse per una enorme torre con su Una “A” enorme. Nello stesso momento un’allarme compare nella sede degli Avengers e subito, da pregiudiziali quali sono, pensano ad un secondo attacco di chitauri ed il ritorno di Loki.

Gli Avengers vengono schierati tutti insieme per fronteggiare la nuova minaccia, quando il Bat-wing segnala persone dotate di poteri, così cerca un punto strategico e si lancia dal velivolo volando verso terra, per poi atterrare platealmente. A questo punto Capitan America avanza verso di lui minaccioso chiedendo chi sia e che intenzioni abbia, e Batman non risponde rimanendo in una posizione di analisi verso il super gruppo. Ironman avanza anche lui ed esordisce con un “bell’armatura”, ma Batman non si lascia trasportare da quei discorsi e chiede subito al super gruppo perché avessero aperto l’anomalia, e perché vogliano distruggere la sua Gotham. Nessuno degli Avengers risponde, confusi dall’affermazione, così Batman dicendo “in un modo o nell’altro e lo direte”, estrae i suoi Batarang pronto ad attaccare. Gli Avengers non aspettano, e Thor e Ironman partono subito all’attacco. Batman salta facendo roteare il mantello e dalla confusione di quel roteare partono due gadget. Un piccolo congegno si attacca alla’armatura di Ironman e sprigiona una forte scarica elettrica statica continua, tanto da riuscire a spegnere la stessa e farlo schiantare metri più indietro. Thor invece viene investito da una bomba al collante super densa, che lo avviluppa e lo immobilizza a terra. A quel punto La Vedova Nera ed Hawkeye partono all’attacco, e una freccia si pianta proprio nella spalla di Batman, scalfendo appena l’armatura. L’arciere rimane esterrefatto e ne scocca altre tre senza riuscire a colpirlo. Batman è troppo veloce. Natasha spara con le pistole che rimbalzano sull’aratura V8 accelerata di Bruce, e lui ad un tratto estrae una bomba fumogena, la scaraventa atterra facendo esplodere una nuvola di fumo. Gli Avengers confusi non riescono più a vedere Batman, così lui approfitta e di soppiatto riesce ad arrivare alle spalle di Clint e a strangolarlo fino a perdere i sensi. Natasha vede un ombra indefinita e un “qualcosa” che si dimena, così capisce e corre verso Clint, ma nel momento stesso in cui arriva, l’ombra si dissolve, ricomparendo alle sue spalle con un calcio rotante che la colpisce in testa scaraventandola via. Un sibilo rompe il rumore attenuato, e lo scudo di Capitan America colpisce in pieno Batman alla schiena scaraventandolo via. L’uomo pipistrello si volta con il fumo che lentamente si dirada e vede il Capitano guardarlo torvo. Bruce di toglie il sangue dalla bocca con un dorso della mano, lo guarda per un attimo e sorride. L’indice scorre veloce sull’avambraccio seguito da suoni acuti di tasti premuti, quando il una figura si avvicina minacciosa, sempre più grande. Il suono dei colpi di una mitragliatrice irrompe in mezzo a Batman ed il Capitano, facendo indietreggiare quest’ultimo. Nella confusione il Capitano pone un braccio in alto per coprirsi il volto,, e nota che la mitragliatrice non lo sta colpendo, ma solo distraendo. Si volta vero Batman, ma è troppo tardi, l’uomo pipistrello, approfittando del diversivo, si è lanciato contro di lui a calcio teso, colpendolo infine in pieno volto. Il Capitano vola via schiantandosi contro il muro di un palazzo in una nuvola di polvere, e il nostro Bruce sembra avere la vittoria n tasca, quando Ironman riesce a riavviarsi e con Visione al suo seguito attacca di nuovo. Divertito dal fatto che l’uomo in armatura ci abbia riprovato, Batman fa un sorriso sghembo, poi qualcosa salta dalla sua cintura a terra, investendo Ironman e Visione con un potentissimo impulso EMP, facendoli cadere a terra di nuovo. A quel punto una informe nuvola rossa frastagliata avanza verso il super eroe, e il nostro Bruce non comprende a pieno che stia succedendo. Una strana fora di magia avanza e lo immobilizza, mentre Wanda si mostra e si avvicina al lui. Warmachine si avvicina anche lui insieme a Falcon, tutti e tre pronti ad attaccarlo e farla finita. Batman alle strette riflette sul da farsi mentre Il Soldato D’inverno si avvicina a Roger per aiutarlo a rialzarsi. Wanda, praticamente volto a volto con Batman sorride in maniera sinistra e sussurro “codice verde”. Un urlo disumano scaturisce dalla torre con su la “A”. Batman da lontano vede il mostro verde pronto ad attaccare, così sussurra “Protocollo Bane”. Dalla sua realtà un grosso involucro di metallo s’innesca partendo a razzo verso l’anomalia. I quattro Avengers pronti ad attaccare vengono distratti dall’urlo di Hulk, così Batman approfitta del momento e fa esplodere tutte le bombe fumogene che ha creando un’enorme nuvola in cui è impossibile vedere ad un palmo di naso. Warmachine attiva la visione ad infrarossi e prende a sparare all’impazzata con la mitragliatrice sulla spalla, ma Batman corre anticipando i proiettili, monta il suo disturbatore e spara tre colpi contro Roodey. La sua armatura prima viene pervasa da scariche elettriche, e approfittando del momento la hackera espellendo Roodey dalla stessa, e impostandola per combattere gli Avengers rimasti. Con Warmachine all’impazzata che attacca i suoi alleati, Batman approfitta per colpire Wanda con un dissuasore elettrico ad alta potenza, facendola svenire. Schiva i colpi di mitragliatrice di Falcon, poi con il rampino spara ad una delle ali e gliela strappa, e lo finisce sferrandogli un pugno dritto al mento seguito da un calcio rotante per farlo schiantare contro un auto.

Infine il golia verde esordisce precipitando sulle gambe di fronte a Batman, scuotendo la terra intorno a loro. Batman riconosce il pericolo più grande e, durante la carica del mostro verde col rampino di aggancia al Bat-wing e sale a bordo, attendendo che il Progetto Bane arrivi. Hulk lo guarda e con una flessione delle gambe si scaglia contro il velivolo, che si scuote al suo arrivo. Fra pungi, graffi e movimenti dissennati, Hulk riesce a strappare via la cappotta del jet, ma tempestivamente Batman si sgancia lanciandogli addosso una sequela di bombe collose super dense. L’uomo pipistrello si lancia via a mantelo spiegato, mentre il bat-wing precipita sulla città ben adeso al mostro verde. Un enorme deflagrazione irrompe in mezzo alle strade, ma Batman non si rammarica, sa di non averlo ucciso. Approfittando del momento capisce che la base della squadra è la torre, così a mantello spiegato si precipita verso la stessa. Huk si rialza dalle macerie, ma qualcosa spunta fuori dal portale con un gran frastuono. Un involucro di metallo a reazione vola nei cieli. Sorvolando la città nello sgomento dei civili, arriva alla terrazza della Avengers Tower. Atterrato Batman vede finalmente il Protocollo Bane arrivato, preme due tasti sul suo avambraccio ed il marchingegno di attiva. La parte frontale si apre in quattro tenaglie, scoprendo la bocca di un cannone. L’oggetto si scaglia contro il mostro verde, e spruzza una quantità enorme di schiuma super densa a presa rapida. Le tenaglie si connettono saldamente alle macerie, creando una guscio protettivo che si chiude intorno alla schiuma. Intanto Batman avanza verso a porta d’ingresso, sfonda il vetro ed una voce femminile robotica riempie la stanza, non riconoscendolo. “Attivati protocolli di sicurezza”. La Iron Legion al completo si schiera fuori dal palazzo pronto ad attaccarlo, ma Batman estrae il congegno per gli attacchi hacker e chiama la Warmachine per distrarli. Successivamente hackera i sistemi della Avengers Tower e riesce ad accedere al laboratorio di Tony. Fra le tante cianfrusaglie scientifiche trova, hackerando anche il suo super computer, trova il progetto della Hulkbuster, così avvia i protocolli dell’arrivo dell’armatura con una piccola modifica. Batman corre verso la terrazza per aspettare, si toglie il mantello, ed intanto il mostro verde comincia a fare forza contro la schiuma, increpandola sempre di più. Dal satellite in orbita si stacca l’armatura che vola verso Batman costruendosi intorno a lui. In una misto di suoni meccanici, l’aratura finalmente di compone intorno al suo corpo, ma di colore nero. Apre la mano per vedere i movimenti, e per sbaglio spara un raggio dal palmo, così capisce. Concentrando potenza a basso potere di fusione, disegna un pipistrello sul suo petto ed poi si lancia verso la “gabbia” di Hulk. Il mostro verde di libera dalla sua prigionia ed ingaggia un duro combattimento contro il crociato. Pugni e colpi improvvisati volano l’uno verso l’altro, anche se Batman inizialmente non si rende conto della forza di Hulk. Batman prende il volo con la tuta e usa Hulk per ristrutturare le finestre ed i muri dei palazzi circostanti, il mostro verde si ribella e tenta di strappare via l’armatura, a Batman fa una frenata in aria improvvisa cambiando palazzo, e schiantandosi mandando in frantumi finestre, sedie e tavoli. La battaglia due minuti su minuti, fino a che Hulk comincia a sentire la fatica. A quel punto Batman, tornato con i piedi saldamente a terra, si espelle dall’armatura comandandola di avvilupparsi intorno al mosto rabbioso, così da tenerlo fermo, corre verso il Protocollo bane e, premendo pulsanti sul suo avambraccio, comanda il marchingegno di estratte l’arma finale. Il propulsore viene espulso e da sotto spunta fuori un grosso cannone a ripetizione con sei canne. Il braccio meccanico che lo sostiene si orienta grazie ai comando di Batman, mentre Hulk prende a liberarsi poco a poco dei pezzi della Hulkbuster. Il marchingegno pone qualcosa verso Batman, che si installa velocemente sul braccio, per poi stenderlo verso il mostro, mentre una serie di ologrammi di aprono intorno al braccio stesso del crociato. Hulk finalmente libero esce dalla bolla di fuoco e fumo creatasi dalla distruzione dei pezzi della Hulkbuster, e si lancia alla carica contro l’uomo pipistrello. Batman prende la mira ed il cannone prende a sparare all’impazzata rivelandosi una sorta di mitragliatrice gatling di grosso calibro. I proiettili volano verso Hulk colpendolo ripetutamente, ma restano infilzati nella pelle del mostro, dato che in realtà solo dardi narcotici. Il mostro non ritrae, così Batman spicca il volo col suo rampino per arrivare in cima ad una palazzo, continuando a mirare Hulk per tenere il gatling acceso. Hulk non si cura dei dardi e si lancia contro il suo nemico. In un gioco fatto di Batman che fugge ed Hulk che lo insegue, la gatling alla fine finisce i colpi cominciando ad intontire hulk dai troppi dardi. I suoi movimenti si fanno più pesanti e meno reattivi, fino a quando Batman capisce e smette di scappare. Si ritrova davanti a mostro verde che sta per svenire, indietreggia di qualche passo ed infine il mostro si accascia a terra di fronte al crociato incappucciato.


Scritto proprio a caso mentre mi annoiavo. Ditemi che ne pensate, se riuscite a leggerlo fino in fondo!

Commenti

Rispondi