143: Tim Miller e Brian Michael Bendis alla direzione di un misterioso progetto Marvel

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Durante la notte è dilagato in ogni dove un report che lasciava intendere come il regista di Deadpool, Tim Miller, e lo sceneggiatore veterano della Marvel, Brian Michael Bendis, fossero stati accreditati per la direzione di un progetto misterioso facente parte dell’universo cinematografico degli X-men nominato 143.

Adesso grazie a The Hollywood Reporter possiamo svelarvi la natura del progetto. Queste due personalità, che rappresentano due dei mostri sacri della Marvel, stanno collaborando sotto l’egida della Fox per produrre uno spin-off degli X-men incentrato sulla figura di Kitty Pryde.

143 è un nome in codice che secondo le fonti parrebbe rimandare ad Uncanny X-Men N.143, creato da Chris Claremont e John Byrne e pubblicato nel 1981. La storia mostra una delle prime avventure soliste della mutante intangibile nota come Shadowcat, in cui la vediamo sola nella X-Mansion, durante la vigilia di Natale, intenta a fronteggiare l’entità demoniaca N’Garai, che all’apparenza pare una sorta di mix fra una creatura della Covata e lo xenomorfo di Alien.

Il rimando ad Alien non è casuale infatti Kitty Pryde nella storia rimane da sola ed affronta il demone un po come Ripley affronta lo xenomorfo, in qualità di ultimo sopravvissuto, e brucia il nemico utilizzando le turbine del X-Jet. La storia si svolge in maniera analoga a quei film horror a medio budget, cosa che potrebbe probabilmente ispirare Miller e Bendis per la realizzazione del film.

Per darvi un’idea dell’aspetto di N’Garai potete guardare l’immagine qui sotto:

Katherine “Kitty” Anne Pryde è un personaggio dei fumetti Marvel Comics creato da Chris Claremont (testi) e John Byrne (disegni). Apparve per la prima volta in Uncanny X-Men n. 129 (gennaio 1980).

Kitty è una mutante che possiede il potere dell’intangibilità, cioè l’abilità di attraversare qualunque oggetto solido e mandarlo in cortocircuito se si tratta di un apparecchio elettronico. Durante la sua storia editoriale, ha assunto diversi nomi in codice, tra cui Sprite ed Ariel, ma è con quello di Shadowcat che il suo personaggio si delinea maggiormente fino a diventare uno degli X-Men più importanti e carismatici.